• Italiano

Studio

Imposta ordine discendente

Articoli da 1 a 18 di 968 totali

Pagina:
  1. 1
  2. 2
  3. 3
  4. 4
  5. 5

Imposta ordine discendente

Articoli da 1 a 18 di 968 totali

Pagina:
  1. 1
  2. 2
  3. 3
  4. 4
  5. 5

Come illuminare lo studio 

L' illuminazione del proprio ambiente lavorativo deve essere progettata con cura perchè in esso trascorriamo la maggior parte della giornata ed è quindi fondamentale che la luce sia confortevole, efficace e che non affatichi la vista.
Questo ci permette di lavorare in condizioni migliori, migliorando di conseguenza la nostra produttività.
L' illuminazione generale dell’ ufficio deve adattarsi al tipo di postazioni in esso presenti e alla quantità di luce naturale presente nell' ambiente. 
Alcuni uffici hanno la necessità di essere illuminati per la quasi totalità della giornata, mentre altri necessitano di un’ adeguata illuminazione solo in alcune ore del giorno.
E’ consigliabile, quindi, una combinazione di morbida illuminazione ambientale e artificiale per evitare fastidiosi contrasti tra zone di luce e zone di ombra.
E' quindi opportuno installare lampade a sospensione e a soffitto che provvedano all' illuminazione generale attraverso un' emissione di luce indiretta.
Per potenziare l' illuminazione è necessario installare lampade da scrivania, provviste di bracci snodabili e di una fonte luminosa orientabile, che si rivela la più funzionale in quanto permette di modificare l’ angolazione della luce, evitando fastidiosi inconvenienti come riflessi ed ombre.
Per un' eccellente resa dei colori consigliamo l'installazione di apparecchi con lampadine alogene.
Un fattore da considerare è di non creare contrasti di luce eccessivi tra la scrivania e il resto dell’ ambiente per evitare di affaticare la vista.
Per illuminare librerie e mensole consigliamo l ‘installazione di corpi illuminanti a soffitto, sistemi su binario, lampade con pinza e bracci flessibili.
Il ripiano dovrà essere illuminato dall’ alto verso il basso per evitare la creazione di ombre dovute alle  persone che potrebbero interporsi tra la fonte luminosa ed il mobile.