• Italiano

Cameretta

Imposta ordine discendente

Articoli da 1 a 18 di 214 totali

Pagina:
  1. 1
  2. 2
  3. 3
  4. 4
  5. 5

Imposta ordine discendente

Articoli da 1 a 18 di 214 totali

Pagina:
  1. 1
  2. 2
  3. 3
  4. 4
  5. 5

Come illuminare la cameretta

L' illuminazione della cameretta dei bambini deve adeguarsi alle molteplici attività che vi si praticano: riposo, studio, gioco.
Questo ambiente deve essere il più sicuro della casa, all'interno del quale i bambini devono potersi muovere liberamente, incontrando il minor numero possibile di rischi per la loro incolumità.
Per l' illuminazione generale è necessario prevedere l’ installazione di una luce principale , in particolare di una lampada a soffitto che consenta di illuminare in maniera diffusa l’ intero ambiente.
La sicurezza è il primo fattore da considerare.
In questo ambiente è meglio evitare di posizionare lampade a sospensione o lampade da terra perchè potrebbero rappresentare un pericolo qualora fossero urtate.
Il secondo fattore da considerare è la tipologia di emissione luminosa.
Nel caso in cui il bambino sia molto piccolo tenderà a muoversi carponi e a giocare per terra.
L’ illuminazione adatta in questi casi è quella diffusa, ma sono da evitare tutte le lampade a soffitto prive di schermatura della fonte luminosa, per evitare che il bambino venga abbagliato da una luce troppo forte.
Diverse fonti di illuminamento, ciascuna preposta all’ esecuzione di un compito, risultano più efficaci e creano un’ atmosfera più accogliente.
Per illuminare il comodino, un faretto orientabile fissato a parete è più sicuro rispetto ad un lampada da tavolo. Tuttavia, se si desidera posizionare una lampada da tavolo, è meglio privilegiare lampade realizzate con materiali resistenti ad urti e sollecitazioni di vario tipo.
E’ consigliabile un’ emissione di luce indiretta e diffusa, meglio se a bassa intensità, nel caso in cui durante la notte si debba accudire il bambino.
Infine, per illuminare la scrivania, la soluzione adatta è quella di una lampada da parete con testa e bracci orientabili. 
La luce deve provenire necessariamente dal lato opposta alla mano che scrive per evitare di creare fastidiose ombre.